Biografia
Bibliografia
Opera letteraria
Gallerie
Collegamenti
Crediti

 
 

 

Biografía-cronología

 

 

 

 

 

 

Biografia

          Rafael Guillén nacque a Granada, via San Juan de Dios, angolo Cardenal Mendoza, nel 1933. Fu uno dei primi poeti che, con il gruppo "Versos al aire libre", ruppe il silenzio caduto, per venti anni, sulla poesia granadina dopo l’omicidio di García Lorca. Posteriormente fondó e diresse, insieme a José G. Ladrón de Guevara, la collezione di libri Veleta al Sur, unica manifestazione poetica in città dal 1957 al 1966. Nel 1982, con Francisco Izquierdo, diede inizio alla serie di fascicoli sull’ Albayzín Los Papeles del Carro de San Pedro.
Nel 1994 gli fu concesso il Premio Nazionale di Letteratura per Los estados transparentes, fino ad allora vinto solo da un altro granadino, Luis Rosales, nel 1951.Sempre nel 94, arrivò finalista al Premio Nazionale della Critica. Ancor prima risultò vincitore di molti dei premi, a suo tempo i più significativi: "Leopoldo Panero" 1966, "Guipúzcoa" 1968, "Boscán" 1968 e "Ciudad de Barcelona" 1969.
Insignito della Medaglia d’onore della Real Accademia delle Belle Arti di Granada, è anche membro della granadina Accademia delle Buone Lettere, della quale è stato uno dei fondatori.
Poesie ed articoli di Guillén sono stati tradotti in numerose lingue. La casa editrice Northwestern University Press, di Evanston, Il. (USA) ha pubblicato nel 2001, una antologia della sua opera, con il titolo I´m Speaking, in edizione bilingue, con traduzione in inglese di Sandy McKinney.
In Historia Crítica de la Literatura Hispánica (Taurus), Vol. 21 "La poesía en el siglo XX (desde 1939)", Pilar Palomo lo studia nell’ epigrafe "Poetas de los 50", così come era stato fatto da Angel Valbuena in Storia della Letteratura Spagnola (Gustavo Gili), che già nel 1968 gli dedicava un esteso capitolo definendolo "uno dei migliori poeti attuali".
Pilar Gómez Bedate in Historia de la Literatura Española (Cátedra), Elena Barroso in Poesía Andaluza de hoy (1950-1990) (Biblioteca della Cultura Andalusa) e Angel L. Prieto de Paula in Poetas españoles de los cincuenta (Biblioteca Hispánica, Edizioni Colegio de España, Salamanca), tra gli altri, lo includono anch’essi tra i più importanti autori della sua generazione.
Da parte sua, Joaquín Marco, in Historia y Crítica de la Literatura Española (Grijalbo) de Francisco Rico, lo colloca tra i "poeti del dopoguerra" ed Emilio Miró, in Historia de la Literatura Española (Taurus) coordinata da Díez Borque, lo pone tra quelli che "occupano un posto indiscutibile nel nostro panorama poetico".
Sulla sua opera esiste una estesa bibliografia che include monografie e tesi di dottorato.


SUBIR

Cronologia

1933 – 27 aprile, nasce a Granada, via San Juan de Dios (angolo Cardenal Mendoza).


1935 – 20 novembre, muore suo padre.

1937- maggio, trasferimento ne La Zubia a causa della Guerra Civile.


1938 – Da maggio fino a dicembre del 1939, va a Salobreña con suo zio Trinidad, data la precarietà dei lavori che trova sua madre.


1943 – 6 settembre sua madre gli procura una borsa di studi per il Seminario di S. Cecilio, retto dai Gesuiti, dove segue gli studi elementari,con prevalenza di studi umanistici, dal 1º al 5º corso.

1944- la sua famiglia si stabilisce definitivamente a Granada.


1948-49, assiste come “libero ascoltatore” alle lezioni dell’Istituto P.S.


1949-50, si dedica a diverse occupazioni per aiutare sua madre.


1950- 1 giugno, s’iscrive alla Escuela de Comercio, proseguendo gli studi fino al 4°anno.

1951- 1 maggio, inizia a lavorare nel Banco Hispano Americano.


1953- fonda con José G. Ladrón de Guevara, Elena Martín Vivaldi, Julio Alfredo
Egea, José Carlos Gallardo, Miguel Ruiz del Castillo ed altri poeti il
gruppo poetico "Versos al aire libre".


1955 - 15 marzo, Bilbao, inizia il servizio militare. Stringe amicizia con Blas de Otero, che sceglierà il titolo del primo libro di Guillén, "Antes de la esperanza", pubblicato l’anno successivo.


1957 - fonda, con José G. Ladrón de Guevara, la collana Veleta al Sur.


1959 - 19 maggio, sposa Aurea Marcos Alvarez con la quale avrà 4 figli: Aurea,
Esperanza, Marina y Jorge.


1960 - 9 gennaio, muore sua madre.


1962 - novembre, collabora con Jaime Gil de Biedma, José Agustín Goytisolo, Félix Grande
e Jaime Ferran, al primo numero della rivista La Trinchera, diretta a Siviglia
da José Batlló.


1963 – vince il II° Premio Internazionale del Circolo degli Scrittori Iberoamericani
di New York.


1964 - settembre, primo viaggio in Marocco.


1965 - settembre, Quezaltenango (Guatemala), vince il “Primo Premio Internazionale
Hispano-Centroamericano”. Si ferma vari giorni in México D.F.


1967 - 17 aprile, Madrid, riceve il premio "Leopoldo Panero 1966" dalle mani di Dámaso
Alonso, Gerardo Diego e Luis Rosales.
- 8 maggio, la Fondazione Juan March gli concede una borsa di studio per il suo
libro Los vientos.


1968 – dal 15 al 18 settembre, viaggia a Parigi.
- 20 settembre, San Sebastian, conferenza durante il I Congresso Nazionale degli Scrittori.
- settembre, riceve il premio "Boscán" ed il premio "Guipúzcoa".


1970 - 26 gennaio, Barcellona, riceve il premio "Ciudad de Barcelona 1969".


1974 - ottobre, esordio ad opera della Orchestra e Cori della Radio Nazionale di Spagna della sua poesia Campanas para Federico, con musica di Juan Alfonso García.


1976 - marzo, membro della Comissione Organizzatrice del Primo Omaggio pubblico a
Federico García Lorca, celebrato il 6 giugno dello stesso anno.


1977 – dal 31 gennaio al 11 febbraio., Parigi, partecipa alle "Jornadas granadinas" (UNESCO).


1978 - aprile, nuovo viaggio in Marocco, frequenti negli anni successivi.


1979 - Luglio, la rivista Litoral gli dedica un numero monografico che include il suo
libro inedito Moheda e collaborazioni, tra le tante, con Buero Vallejo,
José Luis Cano, Muñiz-Romero, Francisco Izquierdo, José Asenjo Sedano,
Ruiz- Copete, Molina Campos e disegni di Pérez Estrada, Cayetano Anibal,
Brazam, Dolores Montijano, Martinmorales ed altri.

1982 - 7 novembre, Granada, crea Los Papeles del Carro de San Pedro, sull’Albaycín, insieme a Francisco Izquierdo.


1984 – dal 23 marzo al 14 giugno, fa parte della commissione promotrice di "Granada por
la Unión Europea".
- dal 14 al 20 di ottobre, Marrakech, interviene nel VII Congresso Mondiale dei Poeti,
presieduto da Leopoldo Sédar Senghor, nel quale partecipano, tra l’altro, Jorge Luis Borges, Günter Grass e Eduardo Carranza.

1985 - fissa la sua 2ª dimora a Benalmádena-Costa (Málaga).

1987 - maggio, viaggio in Italia.


1988 - febbraio., Córdoba, l’orchestra "Ciudad Córdoba" ed il coro della "Cátedra Manuel
Medina" presentano nella Moschea Cantata nº 4 (dell’ Albaycín) con musica
di L. Bedmar.


1989 - ottobre, viaggio a Tunisi.


1990 - Aprile, sposta la sua 2ª residenza ad Almuñecar (Granada).
- Maggio, viaggio in Inghilterra e Scozia.

1991 - Giugno, riceve la Medaglia d’onore della Real Academia di Belle Arti Ntra.
Sra. de las Angustias, di Granada.
- 1 agosto, in aspettativa dal Banco Hispano Americano.
- Settembre, viaggio in Portogallo.

1992 - Marzo, viaggio in Thailandia.
- Settembre,viaggio in Austria, Ungheria, Cecoslovacchia e Germania.


1993 - Marzo-aprile, attraversa il deserto del Sahara passando per Argelia e Mauritania
(spedizione dell Università di Granada).
- settembre, viaggio in Danimarca, Svezia e Norvegia

1994 - 8 aprile, Madrid, con Los estados transparentes arriva finalista al Premio
Nazionale della Critica.
- 18 aprile, membro della Comisión Gestora che, insieme a Francisco Izquierdo,
Elena Martín Vivaldi, Antonio Sánchez Trigueros, Antonio Carvajal e Manuel
Villar Raso, propone alla Giunta d’ Andalusia la fondazione dell’ Accademia delle
Buone Lettere di Granada. Il giorno 4 settembre 2001 appare ufficialmente la sua creazione nel BOJA (Decreto 198/2001). Il 9 febbraio 2002 la commissione nomina i primi sette accademici.
- Maggio, viaggio in India e Nepal.
- Luglio, 2º viaggio in Norvegia (Capo Nord), Finlandia e Svezia.
- 14 novembre, gli è concesso, per Los Estados transparentes, il Premio Nazionale
di Letteratura (sezione Poesia), premiato a Madrid il 6 aprile 1995 dal Ministro per la Cultura.
- 31 dicembre, Granada, nominato "Granadino Ideal dell’anno".

1995 - marzo, viaggio in Cina.
- 5 aprile, Madrid, lettura commentata di poesie nella Residencia de Estudiantes,
presentato da José García Velasco.
- settembre, viaggio in Bulgaria.
- 14 novembre, Tarragona, partecipa al III° Incontro degli Scrittori convocato dalla
Facoltà di Lettere, Universitat "Rovira i Virgili", con una lettura nell’ Aula Magna.

1996 - Gennaio, viaggio in Cile, Argentina, Paraguay e Brasile.
- Maggio, viaggio in Francia, Belgio, Olanda, Germania e Svizzera.
- Settembre, viaggio in Russia.


1997 - marzo, 2º viaggio in Thailandia, con incursione sul fiume Mekong in Birmania e nel Laos.
- 8 maggio, partecipa insieme a Félix Grande, Antonio Hernández, Diego Jesús
Jiménez, Leopoldo de Luis, Manuel Mantero, Fernando Quiñones, José Angel
Valente ed altri all’ "Incontro sul Paesaggio", celebrato a Hinojosa del Duque (Cordoba).
- giugno, viaggio in Turchia.
- sett.-ott., viaggio in Romania.
1998 -Gennaio, viaggio alle Antille (Repubblica Dominicana, Porto Rico, Isole Vergini,
Guadalupe, Granada e Santa Lucía).
- 21 aprile, Jaén, presenta, con Pablo García Baena e Manuel Urbano, il
Centro Andaluso delle Lettere.
- 30 luglio, Madrid, interviene nel XVI Simposio Internazionale della Letteratura
"Fronteras finiseculares en la literatura del mundo hispánico", organizzato
dall’ Instituto Culturale Ispanico di Westminster (California) USA e
celebrato nel Palazzo di Linares.
- ottobre, viaggio in Croazia, Slovenia e Bosnia-Erzegovina.
- ottobre, Holguín (Cuba), partecipa al VI° laboratorio Iberoamericano di Poesia
ed il giorno 28 interviene all’interno del II Incontro Iberoamericano di Studi Ispanici, nel Gran Teatro de La Habana.

- 12 dicembre, Granada, discorso nel VI Congresso degli Scrittori di Spagna.

1999 - Marzo, viaggio in Egitto (Nilo e Mar Rosso).
- Giugno-luglio, viaggio in Messico e Guatemala (cultura Maya).
- 31 dicembre, eletto dai lettori del quotidiano Ideal come uno dei "Cento granadini del XX° secolo ", medaglia e diploma gli vengono consegnate il 9 dicembre 2000 nell’ Auditorium Manuel de Falla.


2000 - Febbraio-marzo, viaggio a Cartagena de Indias e Isla de San Andrés (Colombia).
- Giugno-luglio, viaggio a Singapore e Indonesia (Java e Bali).


2001 - marzo, 2º viaggio in Cina; questa volta includendo Hong Kong.
- il 10 maggio, interviene, insieme ad Antonio Carvajal e Vicente Núñez, moderando
Antonio Hernández, alla tavola rotonda "Tre visioni musicali della poesia
andalusa", all’interno del IV° Incontro di Poesia Attuale Spagnola, celebrato a
Puente Genil (Córdoba).
- Luglio, viaggio in Polonia.
- 30 agosto, conferenza, all’interno del corso "Multiculturalità: Lo sguardo
pulito", realizzato nella Universidatà Internazionale dell’ Andalusia. Sede
"Antonio Machado", a Baeza.
- settembre-ottobre, viaggio in Canada.
- dal 2 al 4 novembre, Washington, partecipa al “The Washington DC International
Poetry Festival” nel Jack Morton Auditorium della George Washington
University. Tavola rotonda sulla traduzione, con la poetessa rumena Nina Cassian, il traduttore e professore della G.W.U. Jonathan Chaves e la
traduttrice Sandy McKinney. Intervento posteriore di Guillén, che si conclude con una lettura di poesie dal suo libro I'm Speaking, pubblicato negli USA.

2002 - marzo, 2º viaggio in Egitto (Nilo e lago Naser fino a Abú Simbel).
- Luglio, 3°. viaggio in Norvegia (fiordi) e Danimarca

 

                       SUBIR

Imprimir

 

 

 

 

 

 

 
® Daniel Rodríguez Moya 2002. Todos los derechos reservados